Menu
  • News 2020

    Secondo Deloitte in Italia c'è un 21% di imprese che opera già a livello pre-COVID o superiore (in Europa è il 23%) e il 16% prevede di tornare ai livelli pre-crisi entro la fine dell'anno (13% in Europa). Ben il 45%, invece, prevede di tornare su quei livelli di entrate solo nel secondo semestre 2021 o anche dopo (44% in Europa). In particolare, solo il 4% dei Cfo delle aziende turistiche si aspetta una ripresa entro la fine del 2020 mentre l'84% si aspetta di tornare al livello di ricavi pre-crisi non prima della seconda metà del 2021.

    Con Natale e Capodanno a casa salgono a oltre 1 miliardo le perdite degli agriturismi italiani nel 2020 per le limitazioni agli spostamenti e il crollo del turismo secondo  un’analisi della Coldiretti. Oltre il 68% delle strutture su un totale di 16.658 aziende agrituristiche sono state già chiuse perché si trovano nelle regioni rosse e arancioni, ma una forte riduzione dell’attività si registra anche per quelle nelle zone gialle.

    Uno tsunami si abbatterà sul settore dei viaggi e del turismo a causa della seconda ondata di covid registrata in Italia secondo Rimborsoalvolo.it - società italiana specializzata in trasporto aereo che assiste i passeggeri che hanno subito disagi o problemi - sulla base dello studio elaborato sulle vacanze invernali degli italiani ai tempi del coronavirus. In base ai dati raccolti e alle previsioni della società, allo stato attuale e senza considerare un possibile lockdown nazionale, solo 7,3 milioni di cittadini prevedono di spostarsi dal proprio comune di residenza tra dicembre e gennaio per viaggi legati alle festività di fine anno: un crollo del 60% rispetto al 2019 (-11 milioni di italiani) quando ben 18,3 milioni di concittadini si concessero una vacanza di fine anno (9,8 milioni a Natale; 8,5 milioni a Capodanno).

    Il Paese del Sol Levante mantiene il primo posto nella classifica del Country Index 2020 di FutureBrand, che anche quest’anno ha elaborato la sua graduatoria, giocoforza legata anche al modo in cui è stata affrontata l’emergenza pandemia.Alle spalle del Giappone si posizionano Germania e Canada, mentre entrano nella top ten gli Emirati e la Nuova Zelanda. L’Italia resta nella top 20, perdendo una posizione e piazzandosi al 15°posto.

    Ipotizzare un Natale sulle piste da sci sembra un azzardo alla Presidente dell’ Anef, Valeria Ghezzi, intervenuta all’incontro online di Skipass Panorama Turismo di Modena Fiere, il tradizionale evento dedicato al comparto della montagna. Sarebbe preferibile che  il governo dicesse chiaramente che per le feste si dovrà rimanere a casa perché nell’ incertezza  per  innevare artificialmente si rischiano  di  sprecare 100 milioni di euro.  Mi rendo conto, sottolinea la Presidente,  che tenere chiusi gli impianti di risalita significa  mettere in ginocchio alberghi alpini, ristoranti, noleggi sci, istruttori,  tutto l’indotto che ruota attorno al turismo invernale, ma con gli attuali scenari non è pensabile fare altrimenti.

    Oltre 100 eventi con viaggi premio in Italia offerti da Enit, incontri con celebrity chef, influencer e divulgatori del settore, live show cooking in video streaming, trasmissioni tematiche e guide interattive, oltre a quiz su food e luoghi turistici a cui rispondere per vincere premi enogastronomici e ancora concorsi realizzati con le Ambasciate per la realizzazione di piatti italiani tipici in collaborazione con Il Gambero Rosso.  Sono solo alcuni degli appuntamenti messi in campo da Enit- Agenzia Nazionale del Turismo Italiano che porta il mondo a lezione di cibo e felicità radunandolo attorno ad "una tavola ideale" per la V edizione della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo dal 23 al 29 novembre

    Il 16 novembre si sono chiuse le giornate che News Reminder in collaborazione con il Parlamento Europeo - Ufficio Italia hanno inteso organizzare per assegnare il “Premio Internazionale Buone Pratiche Informazione – Cultura – Economia 2020". Proprio per il difficile momento che il Paese sta attraversando, si è voluto segnalare all'opinione pubblica una serie di persone che si sono distinte per il loro lavoro al fine di far emergere le iniziative più lodevoli, le esperienze guida, le “buone pratiche”, anche comportamentali, di professionisti, imprenditori, lavoratori rappresentanti delle realtà civili, e in generale di tutti coloro la cui esperienza ha effetti sulla nostra società interconnessa.

    Il 9 novembre il Direttore Generale di Federturismo Confindustria Antonio Barreca è intervenuto al “Summit 2020", l’evento prodotto da Monterey Srl in collaborazione con Assopiscine, dedicato alle imprese della filiera del settore acquatico nell'ambito della sessione dedicata agli scenari del mercato e le opportunità di business, con particolare riferimento al settore del turismo.

    Durerà fino al 27 novembre la fase di consultazione pubblica del documento “Quadro” messo a punto da Uni e Federturismo, che individua soluzioni comuni per la riapertura in sicurezza di tutto il settore turistico, tenuto conto di quanto questo comparto sia vitale per la vita economica e il rilancio del Paese. In consultazione anche il documento sul noleggio autobus. Il documento è stato pensato per far fronte all’emergenza Covid-19 da un tavolo di lavoro che ha già portato in pochissimo tempo alla pubblicazione di altre quattro Prassi di riferimento contenenti le linee guida per la riapertura in sicurezza di specifici settori.

    Secondo un’analisi della Coldiretti sono 128 mila i bar, i ristoranti, le pizzerie e gli agriturismi chiusi nelle 6 regioni arancioni e rosse, con una perdita di fatturato mensile di almeno 2,7 miliardi e un drammatico effetto a valanga sull’intera filiera per il mancato acquisto di alimenti e vino.
    La serrata imposta dalle misure anti contagio riguarda regioni dove molto diffuso è il consumo alimentare fuori casa e colpisce il 38% dei locali italiani, compresi oltre 5 mila agriturismi.