Menu
  • 2010

    Accesso riservato ai Soci

    Accesso riservato ai Soci

    Accesso riservato ai Soci

    Accesso riservato ai Soci

    Accesso riservato ai Soci

    {member}Notizie di interesse specifico del settore TURISMO: nulla da segnalare.

    A. FISCO

    A1. Pubblicata la “Legge Finanziaria per il 2010” (L. n. 191/2009).
    È stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la c.d. “Legge Finanziaria per il 2010” che verrà sinteticamente illustrata nella prossima rassegna.
    (L. 23/12/2009, n. 191 su G.U. n. 302, S.O. n. 243/L, del 30/12/2009)

    A2. Milleproroghe: pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.L. n. 194/2009.
    È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il c.d. “decreto Milleproroghe”. Il decreto è entrato in vigore il 30/12/2009 e dovrà essere convertito in legge entro il 28/2/2010.
    (D.L. 30/12/2009, n. 194 su G.U. n. 302 del 30/12/2009 e “Il Sole 24 Ore” del 31/12/2009, pag. 25)
    Queste alcune disposizioni inserite nel D.L. 30/12/2009, n. 194:
        riapertura dei termini del c.d. “scudo fiscale” – fino al 28/2/2010 con aliquota al 6% e dall’1/3/2010 al 30/4/2010 con aliquota al 7% – e raddoppio dei termini per i controlli [art. 1, commi 1, 2 e 3];
        per l’accertamento basato sulla presunzione di cui all’art. 12, del D.L. n. 78/2009 – gli investimenti e le attività di natura finanziaria detenute negli stati o territori a regime fiscale privilegiato, in violazione degli obblighi di monitoraggio fiscale, si presumono costituite, salvo prova contraria, mediante redditi sottratti a tassazione – i termini sono raddoppiati (da 4 a 8 anni) [art. 1, comma 3];
        per gli anni 2009 e 2010 il termine entro il quale gli studi di settore devono essere pubblicati in Gazzetta Ufficiale è fissato rispettivamente al 31/3/2010 e al 31/3/2011 [art. 1, comma 4];
        sperimentazione nel 2010 e avvio a regime dall’1/1/2011 per la trasmissione mensile del Modello 770 [art. 1, comma 6];
        il termine di 90 giorni previsto nei casi di omessa presentazione della dichiarazione dei redditi e nei casi di dichiarazione integrativa relative all’anno 2008 è prorogato al 30/4/2010 per i lavoratori dipendenti ed equiparati che intendono sanare l’omessa o incompleta presentazione del modulo RW, relativamente alle disponibilità finanziarie derivanti da lavoro prestato all’estero ivi detenute al 31/12/2008, ferme restando le misure ridotte delle sanzioni previste per gli adempimenti effettuati entro 90 giorni [art. 1, comma 7];
        per il periodo d’imposta successivo a quello in corso alla data del 31/12/2009 l’opzione per il regime speciale riconosciuto alle Società di investimento immobiliare quotate (SIIQ) è prorogata al 30/4/2010 [art. 1, comma 17];
        nelle more del procedimento di revisione del quadro normativo in materia di rilascio delle concessioni di beni demaniali marittimi con finalità turistico-ricreative, il termine di durata delle concessioni in essere al 30/12/2009 e in scadenza entro il 31/12/2012 è prorogato fino a tale data [art. 1, comma 18].

    A3. Approvati i modelli di inizio, cessazione attività e variazione dati ai fini IVA.
    Sono stati approvati i Modelli AA7/10 e AA9/10 da utilizzare per le dichiarazioni di inizio attività, variazione dati o cessazione attività ai fini IVA, delle relative istruzioni e delle specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati.
    (Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate prot. n. 193688 del 29/12/2009)

    A4. Territorialità IVA dei servizi: prime indicazioni.
    In attesa dell’approvazione del decreto legislativo che recepisce nell’ordinamento nazionale le norme comunitarie, l’Agenzia delle Entrate ha fornito le prime indicazioni per una corretta applicazione delle nuove regole IVA a partire dall’1/1/2010.
    (Circolare n. 58/E del 31/12/2009 e “Il Sole 24 Ore” del 2/1/2010, pag. 23)

    A5. Territorialità IVA e Intrastat: possibile proroga dell’invio telematico.
    La stampa specializzata ha annunciato la possibilità che venga inserita nel decreto legislativo di attuazione la facoltà, per le dichiarazioni mensili di gennaio e febbraio, di continuare a effettuare il deposito agli uffici delle Dogane con l’avvertenza, però, che non sarà più ammessa la carta ma si dovrà depositare un supporto informatico (floppy disk o chiavetta). Chi ancora non utilizza il canale telematico potrà così ovviare ai ritardi nell’implementazione del nuovo sistema online.
    (“Il Sole 24 Ore” del 6/1/2010, pag. 18)

    A6. Le circolari ministeriali non sono vincolanti.
    Le circolari dell’Amministrazione finanziaria, che non hanno poteri discrezionali nella determinazione delle imposte dovute, non vincolano né i contribuenti né i giudici e non costituiscono fonti di diritto e, quindi, anche sotto tale profilo, ai predetti atti ministeriali non si estende il controllo di legittimità della Corte di Cassazione.
    (Ordinanza Cassazione n. 35 del 5/1/2010 e “Il Sole 24 Ore” dell’8/1/2010, pag. 21)

    A7. Legittimo l’accertamento anche se l’esibizione dei documenti è tardiva.
    La Cassazione ha affermato che l’esibizione in un secondo momento delle scritture contabili richieste durante un’ispezione della Guardia di Finanza, ma non disponibili nella sede aziendale, non rende illegittimo l’accertamento anche se dalle verifiche successive non emergono irregolarità.
    (Sentenza Cassazione n. 27556 del 29/12/2009)

    A8. Riqualificazione energetica: software per la compilazione.
    È disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate il software per la compilazione e l’invio della comunicazione per gli interventi di riqualificazione energetica che danno diritto alla detrazione del 55% che proseguono oltre il periodo d’imposta. La comunicazione potrà essere trasmessa in via telematica a partire dal 4/1/2010 e fino al 31/3/2010.
    (www.agenziaentrate.it)

    A9. CFC: le istruzioni di UNICO SC 2010 fanno riferimento alle nuove regole.
    Le istruzioni della bozza del Modello UNICO SC 2010 fanno già riferimento alle modifiche apportate alla disciplina delle CFC. La circostanza che le istruzioni facciano tale riferimento non è, comunque, indice che le nuove disposizioni si applichino già a partire dal periodo d’imposta 2009, visto che il succitato modello dovrà essere utilizzato dalle società con periodo d’imposta in corso al 31/12/2009 e, quindi, anche da quelle il cui esercizio inizia successivamente all’1/7/2009.
    (“Il Sole 24 Ore” del 6/1/2010, pag. 18)

    A10. Riforma fiscale a favore di famiglia, lavoro, ricerca e ambiente.
    Il ministro dell’Economia Giulio Tremonti ha annunciato che avvierà nel 2010 una “fase seria di studio in sede tecnica” tra politici, imprenditori, sindacati e accademici per una riforma fiscale “a favore della famiglia, del lavoro, della ricerca e dell’ambiente e a sfavore della speculazione finanziaria”.
    (“Il Sole 24 Ore” del 2/1/2010, pag. 4 e dell’8/1/2010, pag. 4)

    A11. Fabbisogno 2009 del settore statale pari a 86 miliardi.
    Nel 2009 il fabbisogno del settore statale è stato di 85,9 miliardi di euro e ha superato di 31,6 miliardi il disavanzo di cassa del 2008, che ammontava a 54 miliardi e 287 milioni, con un incremento percentuale del 58% circa. Il mese di dicembre 2009 si è concluso con un avanzo del settore statale provvisoriamente determinato in 2,5 miliardi, inferiore di circa 0,3 miliardi rispetto a quello realizzato nel dicembre 2008.
    (“Il Sole 24 Ore” del 5/1/2010, pag. 5)

    B. SOCIETA’ E BILANCIO

    B1. Situazione patrimoniale dei consorzi con attività esterna in formato XBRL.
    Unioncamere ritiene che l’obbligo di adottare le modalità di presentazione nel formato elettronico elaborabile si applica anche ai consorzi con attività esterna i quali sono, pertanto, tenuti a depositare nel Registro delle Imprese le tabelle dello stato patrimoniale, compilate secondo lo standard XBRL.
    (Circolare Unioncamere prot. n. 18751 del 23/12/2009 e “Il Sole 24 Ore” dell’8/1/2010, pag. 21)

    C. VARIE


    C1. Creditori risarciti se la procedura fallimentare supera 7 anni.
    La Cassazione ha affermato che il termine di ragionevole durata della procedura fallimentare, qualora non emergano elementi a conforto della particolare semplicità della medesima, può identificarsi, in linea tendenziale, in 7 anni. Ciò tenuto conto della ragionevole durata per 3 gradi di giudizio (6 anni) dei procedimenti incidentali nascenti dal fallimento nonché dell’ulteriore termine (1 anno) necessario per il riparto dell’attivo. Nel caso la medesima procedura superi i 7 anni, i creditori hanno diritto ad essere risarciti dallo Stato.
    (Sentenza Cassazione n. 28318 del 31/12/2009)

    C2. Le collaborazioni coordinate e continuative possono avere lunga durata.
    Non possono essere inquadrati come dipendenti i lavoratori che, pur essendo inseriti da tanto tempo in un’organizzazione aziendale, non siano privati di qualsiasi autonomia. È quanto affermato dalla Cassazione che ha respinto il ricorso di un collaboratore coordinato e continuativo che esercitava in un’azienda da 6 anni, seguendo le direttive scandite dall’organizzatore, ma mantenendo la facoltà di assentarsi per lunghi periodi senza essere soggetto a sanzioni disciplinari.
    (Sentenza Cassazione n. 26986 del 22/12/2009)

    C3. Antiriciclaggio: l’archivio unico diventa fonte di prova nei processi penali.
    Banca d’Italia ha apportato alcune novità relativamente alla tenuta dell’archivio unico informatico (AUI) applicabili ai rapporti continuativi e alle operazioni posti in essere a partire dall’1/6/2010. Si segnala, in particolare, che è fatto obbligo agli intermediari di rendere disponibile alle autorità competenti le informazioni contenute nell’AUI che diventano fonti di prova nei procedimenti penali. Inoltre, devono essere rilevati nell’AUI i dati dei titolari effettivi del rapporto con registrazioni autonome che segnalino il legame con l’intestatario.
    (Delibera Banca d’Italia n. 895 del 23/12/2009 e “Il Sole 24 Ore” del 5/1/2010, pag. 23)

    C4. In programma interventi per il Mezzogiorno e il c.d. “decreto sviluppo”.
    La stampa specializzata ha annunciato che sono in programma gli interventi straordinari per il Mezzogiorno e il c.d. “decreto sviluppo” con la riedizione degli incentivi per l’acquisto delle auto meno inquinanti. Nel provvedimento saranno inclusi anche incentivi per l’acquisto di elettrodomestici, mobili e macchine utensili.
    (“Il Sole 24 Ore” del 5/1/2010, pag. 5)

    Documento chiuso alle ore 11.00 dell’8 gennaio 2010

    Scarica la newsletter

    Newsletter predisposta dal dr. prof. Franco Vernassa, partner dello studio Cristofori + Partners s.s.t.p.
    (vernassa.franco@cristofori-partners.com){/member}

    Accesso riservato ai Soci