Menu
  • News 2019

    Secondo il rapporto annuale dell’Apc  nel 2018  i vacanzieri in camper e caravan sono stati 8,7 milioni che hanno prodotto un fatturato di oltre 2,6 miliardi di euro considerando che il camperista spende il 75% del suo budget in acquisti sul territorio.
    A confermare il trend positivo del settore, sempre dal rapporto si evince che sono stati prodotti 21,249 autocaravan e ci sono state 6.135 nuove immatricolazioni, pari ad un +20% rispetto al 2017; un segnale tangibile anche se ancora lontano dalla perfomance di altri mercati come, ad esempio, quello olandese e tedesco dove le immatricolazioni sono molto più sostenute, e nel resto d’Europa, nel 2018 sono state certificate 124mila immatricolazioni.

    Secondo i dati  di Assaeroporti hanno sfiorato quota 90 milioni i passeggeri transitati negli scali italiani nei primi 6 mesi dell’anno, con una crescita del 5% e nel solo nel mese di giugno i passeggeri hanno raggiunto i 18,8 milioni, in aumento del 5,6% sul giugno 2018. I movimenti di aeromobili segnano un aumento del 4,3% nel semestre e del 4,2% a giugno. Il principale sistema aeroportuale del Paese, Aeroporti di Roma, registra un incremento del 2% nel periodo gennaio-giugno, con Fiumicino che mette a segno un traffico in crescita del 2,2% nel semestre e del 2,8% nel mese di giugno, grazie soprattutto al traffico extra Ue.

    Secondo l’ultima edizione del rapporto  ‘Mastercard Global Destination Cities Index: Origins 2019’, che classifica i flussi turistici in base al Paese di provenienza dei viaggiatori internazionali, gli Stati Uniti sono rimasti il primo mercato emissore al mondo nel 2018, seguiti da Cina, Germania, Regno Unito e Francia. Si evidenzia in particolare l'evoluzione della Cina, che negli ultimi anni è riuscita a rimanere uno dei principali mercati outogoing al mondo. E' passata dalla settima posizione, registrata nel 2009 nella classifica dei paesi emissori, alla seconda attuale, dietro gli Stati Uniti in termini di numero di viaggiatori verso destinazioni all'estero

    Secondo Trip, il modello di previsione dei flussi turistici internazionali elaborato da Ciset-Ca’ Foscari, non si arresta la crescita del comparto turistico mondiale, con ricadute positive per il nostro Paese sebbene l’incremento sia comunque inferiore all’anno scorso a causa dei timori per Brexit, dazi Usa e stagnazione Ue. Il primo trimestre del 2019 ha totalizzato a livello mondiale un aumento del 4% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, segnando un -2% rispetto al passato biennio, ma comunque in linea con la dinamica di lungo termine 2010-2020, stimata pari al +3,8% medio annuo.

    Il 25 luglio il Ministro per l'agricoltura e il turismo Centinaio, il Presidente dell' Enit Palmucci, l'Amministratore delegato delle FS Battisti, il Presidente di ACI Sticchi Damiani hanno partecipato al tavolo sul turismo convocato dal premier Giuseppe Conte al fine di avere una visione di insieme della nostra offerta turistica e rafforzare la programmazione in quest’ambito, vera e propria eccellenza mondiale. Nel corso dell’ incontro è stato deciso di lanciare un piano articolato: “Progetto Turismi” perché l’Italia, rispetto ad altri Paesi, offre lungo tutto il territorio nazionale una ricca varietà di esperienze turistiche. Centinaio, con Palmucci hanno annunciato il lavoro ad  una grande piattaforma digitale che conterrà tutte le offerte integrate di percorsi turistici che la nostra Penisola è in grado di offrire, dal cicloturismo a quello alpino, dal turismo “dolce” ai percorsi enogastronomici .

    UCINA Confindustria Nautica apprende con vivo stupore della nota stampa divulgata dalla Commissione europea in merito al prosieguo della procedura di infrazione nei confronti dell’Italia sul tema del noleggio a lungo termine di unità da diporto. La nota ascrive a un intero comparto produttivo comportamenti illeciti tali da non rendere possibile il risanamento dei conti del Paese.  Oltre a essere inusuale nei toni della sua comunicazione, la Commissione sembra non rammentare che si tratta di normative nate in Francia e adottate con poche variazioni dai principali Paesi europei come, oltre Parigi e Roma, anche Germania, Gran Bretagna, Olanda, Malta, Grecia ecc. Norme che hanno consentito a un settore importante come la nautica europea di diventare leader mondiale assoluta.

    Aumentano i collegamenti tra le principali stazioni di Milano (Centrale, Porta Garibaldi e Rogoredo) e Roma (Termini e Tiburtina). Più fermate a Milano Rogoredo con maggiore assistenza e informazioni a tutti i viaggiatori. Queste le azioni che Trenitalia (Gruppo FS Italiane) ha in programma dal 28 luglio, in concomitanza con i tre mesi di chiusura dell’hub aeroportuale Milano Linate. Azioni che consentiranno di assicurare un’offerta più ampia e capillare fra Milano e Roma grazie a un incremento del 55% (rispetto ad agosto 2018) dei collegamenti e più 15mila posti offerti al giorno. In quest’ottica si inserisce anche il potenziamento della stazione Milano Rogoredo, dove fermeranno 50 Frecciarossa, quattordici in più rispetto all’orario invernale 2018-2019.

    Secondo la società di ricerca americana Wise Guy Reports l'industria turistica legata al golf può crescere del 5% l'anno a livello mondiale e passare dai 192 milioni del 2018 a 253 milioni di dollari nel 2023. Si tratta di una stima legata allo specifico degli eventi sportivi principali, perché si presume che il movimento turistico generale, creato dai semplici appassionati, possa valere anche 70 miliardi a livello mondiale.

    I numeri sono chiari e indicano un calo del potere degli influencer in tutti i settori, anche nel turismo, dove Instagram sembrava destinata a farla da padrone. Secondo i dati della ricerca di Mobile Marketer, relativi al primo trimestre del 2019,  l’engagement dei contenuti sponsorizzati è passato dal 4% di tre anni fa al 2,4%. In altre parole, le immagini postate dagli influencer dietro il pagamento di un compenso riescono a coinvolgere una fetta sempre minore di pubblico. 

    Secondo il rapporto  State of the Global Islamic Economy 2018-2019, nel 2017 i turisti musulmani hanno speso in viaggi circa 177 mld di dollari, cifra che, entro il 2023, salirà fino a 274 miliardi di dollari, rendendo il turismo halal uno dei nuovi trend dell'industria del turismo, in grado di smuovere un giro d'affari di miliardi di dollari.