Il CIPE, nella seduta odierna, ha approvato la proposta di ripartizione presentata dal Ministro per la Coesione territoriale, Fabrizio Barca, per l’assegnazione di 2.245 milioni di euro destinati al finanziamento degli interventi di ricostruzione post-terremoto dell’Abruzzo. Con tali risorse si darà un forte impulso alla gestione ordinaria delle attività di ricostruzione disposta dal decreto-legge n. 83/2012 a seguito della chiusura dello stato di emergenza.

La ripartizione consentirà in primo luogo di avviare in modo sistematico la ricostruzione del centro storico de L’Aquila e degli altri Comuni del “cratere”, sia nella parte privata che pubblica. Consentirà, inoltre, di proseguire l’accelerazione della ricostruzione delle periferie, di sostenere lo sviluppo innovativo dell’area e di finanziare per il 2013 le spese per il sostegno alla popolazione e alle altre esigenze correnti.

Il Comitato ha espresso parere favorevole sul X Allegato “Infrastrutture” al Documento di Economia e Finanza 2012, dal quale risulta che il costo delle opere del Programma delle infrastrutture strategiche, ultimate e in fase di realizzazione, è pari a 79 miliardi di euro, di cui 66 disponibili.

Il CIPE ha anche preso atto dell’assegnazione in via programmatica di circa 400 milioni di euro di risorse residue del Ministero delle infrastrutture, revocate per interventi fermi (ai sensi dell’articolo 32, comma 6, del decreto legge n. 98/2011), per il completamento di altre opere che necessitano di ulteriori risorse finanziarie e per interventi di competenza del Ministero per i Beni e le Attività culturali per un valore di circa 28,6 milioni.

Ha espresso, inoltre, parere positivo sul Contratto di servizio tra il Ministero delle infrastrutture e Trenitalia, relativo ai servizi di trasporto merci d’interesse nazionale sottoposti a regime di obbligo di servizio pubblico per il periodo 2009-2014.

Approvato anche lo schema di decreto interministeriale per la ripartizione del “Fondo per le infrastrutture portuali” di circa 80 milioni di euro tra il 2012 e il 2021, di cui 33 milioni di euro destinati all’Autorità Portuale di Civitavecchia per il porto di Gaeta, 25 milioni a quella di Savona per il terminal contenitori di Vado Ligure e 20 milioni a quella di Genova per gli interventi infrastrutturali dell’area di Sestri.

Sono stati inoltre ripartiti 107,96 miliardi di euro tra le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano per il finanziamento del Servizio sanitario nazionale nell’anno 2012.

(Per maggiori informazioni: http://www.governo.it/Presidenza/Comunicati/testo_int.asp?d=70138)