Le Presidenti di Confindustria Aica e Confindustria Alberghi, in una nota stampa del 13 aprile, hanno espresso preoccupazione per le possibili  conseguenze per il settore alberghiero derivanti dalla riforma del mercato del lavoro, in particolare per la nuova disciplina in materia di contratti a progetto.

L’attuale impostazione della riforma rischia di annullare gli elementi di flessibilità  ritagliati sulle specifiche esigenze del settore turistico-ricettivo, limitando la capacità delle aziende di creare occupazione. Le Presidenti hanno, inoltre, sottolineato tra gli altri elementi critici:  l’incremento dell’intervallo tra un contratto a termine e il successivo, l’aumento degli oneri amministrativi per l’assunzione dei lavoratori extra  e la riduzione dell’ambito  di applicazione del lavoro intermittente.

(Per maggiori informazioni: www.aica-italia.it; www.confindustriaalberghi.it)